google-site-verification: google3e269abf4f15ae25.html

Translate

sabato 4 aprile 2015

Samsung produrrà i chip degli Iphone 7

Immaginate che McDonald's vuole lanciare un nuovo panino top gamma, e la farcitura gliela prepara Burger King... come vi appare questa idea? Burger King farà una farcitura mediocre per far vendere più panini della sua catena, o la farà talmente buona da far pensare a chi mangia un panino del famoso clown che quasi quasi conviene mangiare fast food?
non credo che questo scenario si presenterà mai, ma in un altro campo si è presentata una situazione analoga. Siamo parlando del mondo degli smartphone: a quanto pare il prossimo iPhone 7, sarà equipaggiato di chip provenienti dalla casa coreana. Un po come quando nasce la pace tra Tom e Jerry, così i due colossi Apple e Samsung, che nella vita se le danno di santa ragione, a volte si stringono la mano e stipulano accordi insieme.

mercoledì 1 aprile 2015

Il primo aprile moderno, lo scherzo lo cerchi sul Web

Tralasciando le possibili origini del pesce d'aprile, ogni anno in un modo o nell'altro la burla me la fa e io puntualmente ci casco sempre. Oggi è facile fare il pesce d'aprile, perché il mondo gira in maniera così frenetica che ci dimentichiamo di ogni cosa. 
Alcuni siti danno la dritta per fare un bello scherzo su WhatsApp, altri per far uscire buono lo scherzo su Facebook. Anche il pesce più burlone del mondo quindi si è adeguato ai social, e il Web, questa infinita vetrina del mondo, espone le migliori "ricette" per la burla perfetta.
L'ennesimo passo verso l'ebetismo... Le grandi trovate ormai ce le andiamo a cercare, che fine ha fatto la nostra originalità? Dove andremo a finire? Il problema di oggi è che non spremiamo le meningi, e cerchiamo di avere ogni cosa bella e pronta. Ai miei tempi il pesce d'aprile era il festival della genialità fatta in casa, oggi ha fatto un po la fine di Miss Italia che è stata surclassata da veline, schedine ed ogni cosa che finisca in ine. Su Youtube è il primo di aprile tutto l'anno ormai, di scherzi ne trovi quanti ne vuoi e quando vuoi. La tradizione rimane la tradizione, però se proprio dovete fare uno scherzo, non andatevelo a scaricare da internet...pensatelo

lunedì 30 marzo 2015

Microsoft, 40 anni e non sentirli

Ci sono personaggi del nostro immaginario che sono sempre giovani: Paperino ha 81 anni, Pippo ne ha 83 e addirittura Topolino ne ha 87. Il Topolino dell'informatica è decisamente Microsoft, che a breve compirà 40 anni ma ancora sembra un ragazzino. La prima domanda che mi sono posto è stata, ma allora quanti anni avrà Bill Gates, una novantina? Invece no, Bill-ione Gates ha solo 60 anni, diciamo che è stato un imprenditore abbastanza precoce, Non era proprio uno studente modello come ama ricordare lui:« Fui bocciato in alcune materie agli esami, ma il mio amico passò in tutte. Ora lui è un ingegnere alla Microsoft, mentre io sono il proprietario della Microsoft. »
Sfottendo i suoi amici, Gates tiene in mano l'azienda informatica per antonomasia da ormai 40 anni. Nel corso di questo tempo di critiche sull'azienda statunitense ne sono piovute parecchi critiche, alcune sacrosante (certi sistemi operativi Windows non si potevano proprio guardare), ma il colosso non si è mai rimpicciolito, anzi si è solo ingrandito.
In attesa delle prossime uscite del gruppo, facciamo tanti auguri a Microsoft, che ormai è un po come la coca-cola, entra nelle case di tutte le famiglie del mondo...

domenica 29 marzo 2015

La domenica delle Palme oggi

Se proprio la devo dire tutta, a me è sempre piaciuta di più la domenica delle Palme che la domenica di Pasqua. Sicuramente da bambino mi faceva piacere aprire l'uovo pasquale, ma diciamo che...ho sempre avuto più propensione al denaro che alla cioccolata. Poi mi piaceva particolarmente la domenica delle Palme perché bisogna ammetterlo, la settimana santa è un po bizzarra: questo povero Gesù entra in pompa magna a Gerusalemme, manco fosse il capitano della nazionale israeliana e portasse la coppa del mondo vinta magicamente dall'Israele. I gerosolimitani (per intenderci sarebbero i gerusalemmesi) per festeggiare la sua venuta fanno un'opera di disboscamento tipo quella che stanno facendo oggi in Amazzonia, feste e festini...ma roba di un paio di giorni e che si mettono contro Gesù e addirittura lo scelgono a Barabba, un criminale latitante che ormai era spacciato. uno di quelli che solo in Italia si salvano diventando almeno ministri delle infrastrutture. La mia domanda da bambino era sempre la stessa: "ne ma Gesù che hai detto a sti gerusalemmesi da farli arrabbiare così tanto?" ma me la sono sempre tenuta per me perché in confessione già piovevano decine e decine di Ave Maria e Padre Nostri per i miei peccatucci (e non li dicevo tutti) figuriamoci se andavo a chiedere questo...
Aldilà di come si sviluppa poi la settimana Santa, a me questo giorno piaceva, e vi dirò, io incentivato da quella cinquemila lire gli auguri agli zii li andavo a fare proprio volentieri. Stamattina, nell'era degli smartphone, io ho preso il mio WhatsApp e ho mandato palme a tutti. Io mi sono adattato ai tempi, però gli zii a quanto pare no, perché bonifici sulla poste pay non ne sono arrivati...
Ma non abbiate paura, per l'anno prossimo organizzerò questa bella App chiamato ovviamente Domenica delle Palme dove chi manda la palma ha diritto a un bonifico. Io ne sarò il promotore perché ormai abito lontano dagli zii, ma chi può, faccia alla vecchia maniera, stacchi un ramoscello di ulivo dalla palma dell'amichetto, che ieri ha avuto la costanza di andare a benedire le sue palme, e si presenti dai parenti di persona...
Buona domenica delle Palme a tutti.

sabato 28 marzo 2015

Google Glass, test in aeroporto

Google quando ha deciso di progettare Google Glass, in effetti ha fatto il passo più lungo della gamba. L'idea tuttavia, come tante in casa Google, rimane eccellente, a tutti è capitato di voler fare una fotografia di nascosto facendo finta di scrivere ma contemporaneamente puntando lo smartphone all'altezza della pancia, manco guardassimo attraverso gli addominali o fossimo affetti dal peggiore degli strabismi. Solo per ovviare a questi spiacevoli problemi "tattici" non vedo l'ora di comprare i Google Glass. 
Oltre alla possibilità di fare foto in incognito però, gli occhiali di Google hanno potenzialità incredibili. Il problema secondo me è che le potenzialità sono accora lontane dall'essere soddisfatte dalle prestazioni tecnologiche attualmente in uso, è un po come se Karl Benz, all'indomani dell'invenzione dell'automobile, avesse lanciato sul mercato il tir... ovviamente vi lascio immaginare che flop sarebbe stato, i primi motori avevano più o meno la forza di un ragioniere in pensione, erano meno potenti dei cinesi che portano i turisti a spasso sui carrettini ...figuriamoci se potevano trasportare tonnellate di merci. Google ha fatto questo errore, ha capito di essere stato precipitoso, e adesso sta lavorando affinché la prossima volta che si rilancino i Glass, sia quella buona. Intanto all'aeroporto di Edimburgo gli addetti al check-in stanno testando l'impiego dei Google Glass per offrire un migliore servizio ai passeggeri. Cercando di aumentare le informazioni possibili da dare ai passeggeri, questo test è un po una prova del nove per Big G., perché sancirà se l'accessorio può essere utile o meno al lavoro aeroportuale. Siamo davanti alla definitiva svolta, o gli occhiali verranno un'altra volta riposti nel cassetto?
Vedremo...

venerdì 27 marzo 2015

WhatsApp supera SMS

Da tempo ormai le compagnie telefoniche quando devono fare un'offerta includono i famosi mille sms verso tutti. Mille messaggi verso tutti al mese oggi sono utili come una patente nautica in Austria... Solo qualche anno fa avere tanti sms inclusi nelle proprie offerte era davvero una cosa rara, e magari questa opzione costava molto, ma poi arrivò WhatsApp: da allora più si va avanti e più l'sms non ha ragione di esistere...
Con trenta miliardi di messaggi al giorno WhatsApp ha superato l'invio di sms che però stando ai numeri, ancora tengono botta con circa venti miliardi quotidiani. A dirlo è stato l'Economist. Lo studio del settimanale inglese rileva che oggi nel mondo si mandano più "WhatsApp" che sms. Ovviamente il servizio di messaggistica via internet una volta messa la freccia, sarà inarrivabile, e meno male che dove ti giri giri pullulano offerte che includono la possibilità di inviare messaggi, sennò questo sorpasso sarebbe avvenuto già da tempo. WhatsApp ormai è il leader indiscusso nel campo dei messaggi, è il piccione viaggiatore contemporaneo, e da come si stanno evolvendo le cose, l'acquisizione di Facebook ne aumenterà ulteriormente il suo valore e di conseguenza i suoi utenti. Tuttavia l'sms viene ancora usato da tutti quando c'è da mandare un messaggio importante o magari si è senza linea, ormai ha preso le sembianze di un atto notarile. Quindi continueranno a diminuire sepre più i numeri di invii dell'ormai andato "messaggio", ma mai potranno finire, d'altronde.., anche WhatsApp si impalla...